biocide BIOMIX

foto x biomixBIOMIX IN BREVE

Miscela di Brassicacee appositamente selezionate.

Azione miglioratrice.

Indicato su frutteto e  vigneto.

VANTAGGI FUNZIONALI

EROSIONE: grazie allo sviluppo della pianta riesce a contenere l’erosione dei suoli e il ruscellamento nei terreni in pendenza.

STRUTTURA: grazie alla capacità esplorativa dlle radici (fino a 70 cm) riesce ad effettuare un’ottima lavorazione meccanica del suolo andando a rompere gli strati compatti anche in profondità.

SOSTANZA ORGANICA: grazie alla notevole biomassa prodotta apporta benefici ai primi 30 cm del suolo: aumento della sostanza organica restituendo Azoto non dilavabile ma soprattutto Potassio e Fosforo in forma assimilabile.

MICROFLORA: grazie alle sostanze bioattive si ha un’attivazione della microflora utile e un contenimento dei patogeni.

Con BIOMIX abbiamo lo strumento in grado di migliorare sensibilmente la fertilità dei nostri suoli, equilibrandoli e rendendoli meno soggetti a stress nutrizionali e idrici.

COMPOSIZIONE E PARAMETRI TECNICI

Biomassa alla trinciatura: fino a 120 Tonn. per ettaro (sostanza fresca) in semina autunnale, mentre in semina primaverile produce fino a 50 Tonn. per ettaro di sostanza fresca.

Azoto organico apportato: fino a 100 unità per ettaro.

Fosforo apportato: fino a 60 unità di P2O5 in forma assimilabile.

Potassio apportato: fino a 200 unità di K2O in forma assimilabile.

COME E QUANDO UTILIZZARLO

 

Lavorazioni: gradisce un terreno con un buon grado di finezza interrandolo leggermente (1 cm) anche grazie ad una rullatura.

Semina:

- Epoca: può essere seminato sia in priamvera che in autunno. per una migliore gestione è consigliato il periodo autunnale che va da inizio-metà ottobre per le stagioni settentrionali fino a metà novembre per le regioni meridionali.

- Densità: impiegare 8 a 12 Kg per ettaro di seme in funzione delle condizioni pedoclimatiche. Per agevolare le normali pratiche colturali (es. potatura) si consiglia la semina a filari alterni, dimezzando la dose ad ettaro.

- Concimazione: non sono richieste particolari pratiche durante la coltivazione. é utile sapere che qualunque apporto di concime viene nobilitato da Biomix in forma organica non dilavabile e totalmente assimilabile.

Trinciatura: per poter essere efficace la massa verde ottenuta deve essere trinciata per facilitare l’interramento. Si può utilizzare un trinciastocchi o una fresa fuori terra.

Interramento: entro l’epoca della piena fioritura Biomix può essere trinciato e subito dopo interrato o gestito come paccaimatura. Per la semina autunnale il periodo ottimale di interramento è intorno al mese di aprile; per la semina primaverile invece il ciclo è più corto e corrisponde a circa 60-80 giorni. L’interramento può avvenire attraverso una vangatura superficiale o – più efficacemente – attarverso al frangizzollatura o una semplice erpicatura. La profondità di interramento varia a seconda delle necessità tra 5 e 20 cm.

Tolleranza al freddo: Biomix è molto tollerante alle basse tempertaure invernali se raggiunge lo stato di rosetta (4-6 foglie). Pertanto è bene utilizzare quantitativi più elevati di seme per terreni e/o epoche più difficili.

CONFEZIONI: Sacco da Kg. 10

©
design .comunico